PROGRAMMA MANIFESTAZIONE

 PROGRAMMA PER PILOTI

 INFO PILOTI

 INFO ISCRIZIONE

 MODULO ISCRIZIONE

 Mappa pista

 Regolamento velocità

 Regolamento epoca

 Archivio FOTO edizioni passate

Storia della cronoscalata motociclistica “Castione-Bazzano”

Era il 26 Aprile del 1970, quando per la prima volta prese vita, grazie all’allora Moto Club Bazzano, la “Motoscalata” CastioneBazzano. Tanti furono gli spettatori sparsi lungo il percorso e tanti furono i grandi nomi a livello Nazionale che presero parte alla gara divisa per classi di cilindrata. I centauri furono però costretti a vere e proprie acrobazie per rimanere in sella alle loro moto, a causa di un forte vento contrario al senso di gara che influì in larga parte sui tempi finali. I migliori tempi furono di Pier Paolo Bianchi in sella a una Guazzoni, Ermanno Giuliano in Sella a una Aermacchi, Giovanni Cresta in sella a una Morini e di Roberto Gallina, vincitore assoluto della gara, anche lui in sella ad una Aermacchi. I vincitori coprirono i 4 km e mezzo del percorso, a seconda della cilindrata, tra i 3 minuti e 39 secondi e i 3 minuti e 13 secondi. Diversi furono anche i Centauri Parmigiani che parteciparono alla gara. Ottimi furono i tempi di Ercole Ravazzoni e Paolo Repetati, forse motivati anche da una scommessa fatta tra di loro: chi arrivava alle spalle dell’altro avrebbe strappato pubblicamente il cartellino da Pilota! Sicuri delle loro prestazioni affrontarono la gara, con la speranza di una coppa come “Primo Parmigiano”magari, ma alla lettura della classifica 125, prima dei loro nomi fu pronunciato quello di un altro parmigiano: Paolo Romiti dell’allora Cross Country Club di Via Farini a Parma. Lo spettacolo migliore lo diede però un altro parmigiano, Ugo Gabbi che a cavallo della sua Morini 175 diede vita a una gara al limite, sbandò nell’ultima curva, alzò una gran nuvola di polvere dalla quale uscì incolume e si meritò il 5° posto e la tanto contesa coppa come “Primo Parmigiano”. Passarono un anno e qualche mese e il 1° Agosto del 1971 la “Motoscalata” arrivò alla seconda edizione. La gara anche quell’anno fu piuttosto avvincente e anche il pubblico si dimostrò piuttosto partecipe. Il percorso quell’anno si sviluppava per una lunghezza di 5 km e le curve piuttosto difficoltose permettevano alle medie e piccole cilindrate di ottenere i risultati più competitivi. I tempi migliori furono di Paolo Lusardi su una Itom,  Luigi Torelli in sella a una Aermacchi, Giovanni Cresta su una Morini, Germano Paganini, vincitore assoluto della gara, in sella a una Aermacchi e Germano Papaini anche lui su una Aermacchi. I vincitori coprirono l’intero percorso, a seconda della cilindrata, tra i 3 minuti e 46 secondi e i 3 minuti e 24 secondi. Anche quell’anno tanti furono i centauri parmigiani che parteciparono alla gara ma il migliore fu ancora Ugo Gabbi, che a cavallo della sua Bernazzoli, si classificò 4° assoluto nelle 175 e si aggiudicò per il secondo anno consecutivo la coppa come “Primo Parmigiano”.
Quella del ’71 fu l’ultima gara che vide protagonista la strada che da Castione porta a Bazzano, o meglio è rimasta l’ultima fino a quando nel 2005 dopo la rinascita del Motoclub Bazzano ha ripreso vita questa grande manifestazione motociclistica.